venerdì 24 luglio 2015

SPIONAGGIO ED ADOLESCENZA ........................ azione e commedia in simbiosi


In sala dal 15 luglio scorso, il lungometraggio Spy di Paul Feig muove i propri passi lungo la sceneggiatura di commedia d’azione dal gusto popolare. Protagonista ne è Susan Cooper (Melissa McCarthy), agente CIA senza licenza di uccidere, delegata al supporto informatico delle missioni speciali. La scomparsa dell’amato agente Bradley Fine (Jude Law), però, spingerà la donna a scendere sul campo e cercare vendetta nei confronti della perfida Rayna (Rose Byrne). Tra gag esilaranti e sequenze d’alto tasso di azione, l’informatica riuscirà a portare a termine la sua missione e sventare l’attacco nucleare a Roma, affiancata da un superlativo Jason Statham, nei panni dell’orgoglioso e sfiduciato Rick Ford, agente speciale vittima di egocentrismo. Attraversando diverse capitali europee, la storia celebra il successo inaspettato della Cooper e la conquista di fiducia in sé stessa, tra sparatorie, inseguimenti, doppiogiochisti e decolli mozzafiato in elicottero.


















Analogo per temi e genere, il film indipendente Barely Lethal di Kyle Newman  affronta, invece, il rifiuto del proprio destino di killer da parte della sedicenne Megan Walsh (Hailee Steinfeld), desiderosa di vivere la normale vita di un’adolescente. Ad ostacolarla l’appartenenza all’agenzia Prescott di Hardman (Samuel L. Jackson), il quale tenterà con ogni mezzo di recuperare la ragazza scomparsa, rivelandosi infine un capo dal cuore tenero. A concatenarsi al tema dell’appartenenza anche un forte desiderio di libertà, quello che porterà la giovane agente 83 ad inscenare la propria morte. Braccata dall’agente 84 alias Heater (Sophie Turner), la giovane si troverà a dover fare i conti con il suo passato per proteggere il suo presente nel contesto del ballo scolastico. Rivelandosi difficoltosa e per nulla semplice, la vita adolescenziale sembra turbare la ragazza, la quale, però, farà leva su amici, famiglia e soprattutto su sé stessa, il tutto, però, dopo esser scesa a patti e aver regolato i conti con Victoria Knox (Jessica Alba). 





















Entrambe action – comedy, le pellicole si inseriscono nel genere cinematografico dello spionaggio, la prima arricchita da una matrice raffinata dal gusto distinto inglese e la seconda Spy Kids sorprendente. Affascinanti e particolari, i lungometraggi trovano lo slancio dalla Spy Story di fondo, nel primo più inquadrata a livello di soggetto e nel secondo più particolareggiata a livello di adolescenza e scoperta.

Nessun commento:

Posta un commento