giovedì 25 giugno 2015

LIVE KOM 015 ............................................. il Komandante si riprende San Siro


Procedono le numerose tappe del Live Kom 015, il tour targato Vasco Rossi, indiscusso re degli stadi esibitosi esattamente una settimana fa, giovedì 18 Giugno, allo stadio San Siro di Milano, uno degli stadi che più si confà, scenograficamente parlando, al livello dei suoi spettacoli, tappa obbligata, quindi, per Vasco, una vera e propria casa insomma.














Nessuno come lui è mai riuscito a riempire ripetutamente lo stadio milanese in ogni suo angolo, anche il più piccolo, garantendo emozioni e brividi d’alto valore. Una garanzia, appunto, quella dei concerti di Vasco, il quale appassiona da sempre un vasto pubblico generazionale, fatto di grandi e piccini, a sottolineare la persistenza del messaggio rock da lui trasmesso. In particolare, durante la serata del 18 Giugno, ricorrenza del ventesimo anniversario del chitarrista statunitense Stef Burns al fianco del Komandante, il Blasco e i suoi hanno infiammato lo stadio Meazza a suon di riff, percussioni, bassi e soprattutto tono vocale particolareggiato che da sempre contraddistingue il rocker di Zocca. Ennesimo trionfo per la rockstar, da sempre sull’onda dei successi discografici e live, quest’anno in tour da Nord a Sud con tappe che toccheranno anche Messina e Napoli. Tra i brani eseguiti, oltre a quelli appartenenti al suo ultimo album Sono Innocente, come la title track Sono innocente ma …, la ballata rock Dannate Nuvole e la raffinata Duro Incontro, anche assaggi di vari successi della sua discografia, quali la rappresentativa Vita spericolata e la delicata Alba Chiara, accanto al simbolico brano Siamo solo noi, pezzo del 1981 dell’album omonimo. Procedendo nella scaletta, è stato possibile ascoltare anche diversi medley rock di brani caratterizzanti, tra cui Come vorrei, La noia e Gioca con me, fino ad arrivare alla stravagante Stupendo e la riflessiva Vivere. Passano gli anni, cambiano gli effetti scenografici, gli usi e le abitudini della gente, ma il popolo del Blasco è sempre lì, in via di assestamento e/o evoluzione, crescita e riscoperta del talento chiamato Vasco Rossi, in forma smagliante davanti ai suoi fan.























Organizzazione e messa in scena perfette, a partire dagli effetti scenografici e luminosi a contorno dello show, fino ad arrivare ad un imponente assetto audio – fonico, avvalorato dalla struttura della location di San Siro. Tutte qualità che hanno sottolineato la trasmissione di emozioni intense e, soprattutto, di un messaggio di orgoglio nazionale, portato avanti dal Blasco, il più grande performer italiano di sempre, riconfermatosi il re di San Siro dopo ben 25 anni dal suo primo live milanese del lontano 10 Luglio 1990.


Nessun commento:

Posta un commento