venerdì 3 ottobre 2014

TRAILERS FILM FEST .................................................... la dodicesima edizione tra innovazione e tradizione


Inaugurata mercoledì 24 settembre a Catania, la dodicesima edizione del Trailers Film Fest ha confermato la sua valenza di evento culturale incentrato sulla promozione e sull’innovazione dei linguaggi comunicativi. Dando spazio, infatti, anche al settore dei videogames e dei libri, il concorso dei trailers ha istituito le sezioni relative Videogame Trailer e Book Trailer. Diversi gli incontri con i professionisti dell’industria cinematografica durante i tre giorni dedicati allo svolgimento del TrailersLab presso il Monastero dei Benedettini, laboratorio condotto in collaborazione con il dipartimento di Scienze Umanistiche dell’università della città.

- workshop dallo spot al viral -
Andrea Staderini 










come si promuove un videogioco?
- Roberto Semprebene -





















Una tre giorni intensa e variegata, durante cui si è svolto anche il workshop dallo spot al viral, tenuto dall’agenzia di comunicazione Mosaicoon e mettendo a disposizione dei partecipanti la professionalità del team guidato da Andrea Staderini nella realizzazione di un breve video – spot virale. Dando rilevanza peculiare all’ambito promozionale, il festival ha ospitato durante la giornata di apertura l’intervento di Roberto Semprebene dal titolo come si promuove un videogioco?, ad anticipare il concorso Videogame Trailer, appunto, denotando nell’organizzazione una forte tematica di innovazione, senza però scostarsi dalla tradizione, come dimostrato dalla rassegna pomeridiana di trailers in anteprima e quella dedicata al grande attore romano Alberto Sordi. Aperta dal concorso Book Trailer, invece, la giornata di giovedì 25 settembre ha rivelato un’attenzione peculiare ai ruoli e i compiti principali del meccanismo della settima arte, quali il regista e l’ufficio stampa, affrontati durante gli incontri con Antonio Morabito, regista de il venditore di medicine e Claudio Trionfera, addetto all’ufficio stampa di Medusa. Anticipati dalla rassegna di trailer C’era una volta il prossimamente di Fabio Micolano, gli incontri hanno mirato ad esplicare l’ambito dei mestieri del cinema, suscitando negli ascoltatori curiosità ed interazione, chiarendo dubbi altrimenti offuscati dalle numerose nozioni enciclopediche in merito. 

il ruolo dell'ufficio stampa
- Claudio Trionfera -

















A vincere la sezione del concorso Videogame Trailer è il trailer realizzato per il videogioco Nero, sviluppato da Storm in a Teacup e distribuito sulla piattaforma Microsoft, mentre a vincere per il miglior Book Trailer è Brunella Filì per l’elaborato relativo a Corpi di gloria di Giuliana Altamura. Svolgimento delle attività principali del laboratorio del festival all’interno dell’Auditorium di Piazza Dante, dove si sono avvicendati, tra gli altri, numerose figure di spicco della produzione cinematografica, a partire dai membri della giuria del concorso Pitch Trailer, quali Massimo Cristaldi della Cristaldi Pictures, Luciano De Simone della Filmauro, Damiano Ricci della BiM distribuzione, Roberto Proia della Notorious Pictures, Matteo Forcella della Ambi Pictures, Thomas Bertacche della Ceo Tucker Film e Federica Pierattelli della Universal Music Publishing, accanto alla giuria del concorso ufficiale, composta da giornalisti e critici cinematografici. In particolare, la sezione pitch del Trailers Film Fest mira a mettere in contatto giovani registi esordienti con le case di produzione cinematografica, in modo da permetterne l’approccio professionale al mondo del cinema e promuoverne la propria idea di film da realizzare. Miglior Pitch Trailer 2014 è risultato Gli altri 6 di me di Mario Francesco Zitello, un giovane regista proveniente da Catania, a testimonianza della sete di cultura e arte viva nella cittadina ospitante il festival. Si tratta di un trailer che gioca sull’accostamento di caratteri esilaranti su un palcoscenico teatrale. Sei personaggi diversi, sei condizioni dell’uomo, sei stati sociali, messi in relazione in una sorta di provino per un progetto artistico dei tre protagonisti, dallo sceicco al tamarro e dal secchione al Prete. 

La giuria del concorso Pitch Trailer













Proseguendo nell’ottica dei mestieri del cinema, anche la giornata di venerdì 26 settembre sembra mirare ad offrire delucidazioni circa l’effettivo ruolo dei mestieranti del cinema, concentrandosi sul tema degli effetti visivi attraverso l’incontro con Massimo Cipollina e su quello del montaggio attraverso l’incontro con Patrizio Marone, appuntamenti preceduti dall’incontro con Gianluca Pignataro, Federico Mauro e Carlo Rodomonti nell’esplicazione della campagna promozionale di Smetto quando voglio da parte della Fandango. Un film dall’enorme successo immediato, permesso, appunto, anche dalla fruizione dei contenuti pubblicitari e promozionali, tra cui trailer e diversi manifesti caratterizzanti, relativi al tema di fondo della commedia.

conferenza di chiusura

Risonanza notevole quella ottenuta dal laboratorio del festival cinematografico catanese, anche grazie agli omaggi alla tradizione e gli stimoli all’innovazione, ad incentivare uno sguardo in più a ciò che ruota attorno ai nuovi prodotti, riferendosi alla nascita e allo sviluppo di nuove dinamiche comunicative, particolarità sottolineata dal messaggio centrale Non aver paura della tua creatività, lanciato dall’intera kermesse culturale presentata dall’agenzia Seven e diretta da Stefania Bianchi.

Nessun commento:

Posta un commento