martedì 5 agosto 2014

GREASE ........................................................................... la generazione della brillantina


Ad allietare i telespettatori in apertura della settimana televisiva, è stato riproposto durante la prima serata di Lunedi 4 Agosto il film-successo di Randal Kleiser girato in California e uscito in sala nel 1978. Due i temi alla base del prodotto cinematografico, quello della fama apparentemente intoccabile e quello del trionfo dell’amore, messi qui in relazione attraversando le storie scolastiche degli anni ’50 e il relativo schieramento in gruppi studenteschi. Al centro delle vicende il personaggio simbolo delle tendenze giovanili di quel contesto, Danny Zuko (John  Travolta), leader dei Thunderbirds, una delle bande della Raydell High School in disputa con gli Scorpions.

Danny Zuko










Tratto dall’omonimo musical di Jim Jacobs e Warren Casey, il film si inserisce all’interno del genere delle commedie romantiche e musicali. Soggetto del prodotto cinematografico è, infatti, il sentimento in maturazione tra il protagonista e l’australiana Sandy (Olivia Newton John), storia estiva destinata a proseguire dopo il trasferimento scolastico della ragazza in vista del nuovo semestre. Inizialmente turbato e colto di sorpresa dall’arrivo della giovane nel “suo territorio”, Danny progredirà verso l’assunzione delle responsabilità del proprio amore, mettendo a rischio la sua fama a scuola ed essendo perfino disposto a mutare il suo stile per adeguarsi alla natura della donna amata. Ponendo l’accento sulla ricerca reciproca delle due anime gemelle, il film affronta la tematica delle nuove generazioni, attraverso scene ironiche e coinvolgenti, incanalando il tutto in un mix perfetto di musica e ballo. A supportare la narrazione del tema centrale del film il rapporto di Sandy con il gruppo delle Pink Ladies e di Danny con Kenickie (Jeff Conaway) e gli altri, dando così risalto anche al valore dell’amicizia e della condivisione.

Danny e i T-Birds




Sandy e le Pink Ladies















Diversi i riconoscimenti e i premi ottenuti dal film, tra cui diverse nominations nel 1979 ai Golden Globe, come quella al miglior film commedia o musicale e due alla miglior canzone del leader dei Bee Gees Barry Gribb e a quella di John Farrar, premiato, quest’ultimo, anche con l’Oscar per Hopelessly devoted to you. Confermando John Travolta, già sull’onda del successo per La febbre del sabato sera, quale superstar del ballo, inoltre, il film è stato omaggiato anche in occasione del ventesimo anniversario con la riproposizione nelle sale.

Superstar del ballo

Nessun commento:

Posta un commento