sabato 19 luglio 2014

STEP UP REVOLUTION .................................... protestare con l'arte


Uscito nelle sale italiane ad ottobre del 2012, il quarto capitolo della saga cinematografica di ballo più famosa al mondo, ambientato a Miami, ha come protagonisti i MOB, gruppo di street – dancers guidato da Sean (Ryan Guzman) ed Eddy (Misha Gabriel) per dare voce a chiunque voglia parlare attraverso il ballo e l'arte. Questa la linea narrativa dell’intero film, tendenza con cui Sean affascinerà e conquisterà Emily Anderson (Kathryn McCormick), la figlia del ricco imprenditore Bill Anderson (Peter Gallagher), intenzionato a demolire il quartiere di Spring Garden.
I due protagonisti


La protesta





















L’opposizione dei MOB e della giovane figlia faranno si che l’uomo cambi i suoi piani e accolga la proposta di recupero della zona fattagli attraverso l’espressione artistica da Sean e compagni, tra cui anche la dj Penelope (Cleopatra Coleman) e Jason (Stephen Boss), energico e statuario ballerino già presente nel precedente episodio della saga. Una grande famiglia in continua evoluzione quella di Step Up, una squadra vera e propria di persone e artisti, tra cui anche Muso (Adam Gary Sevani) e Kido (Mari Koda), arrivati da New York per aggiungere voci alla protesta dei MOB, consistente in uno spettacolare flashmob organizzato in occasione della presentazione del piano di Anderson. Altra particolarità sullo sfondo del film è la difficile e talvolta equivoca comprensione delle gesta dei ragazzi, da alcuni ritenute un disturbo mentre da altri apprezzate per espressione e condivisione. L’arte, infatti, diventa un mezzo per comunicare e protestare contro le ingiustizie, dando al prodotto cinematografico un valore in più, visti i presupposti.

Muso & i MOB



Sottofondo passionale







Diretto da Scott Speer e prodotto dal regista dei due precedenti step Jon M. Chu, il film pone al centro del soggetto la costituzione e l’ideologia del gruppo di ballerini, dando spazio anche al rapporto tra padre e figlia, accanto a quello amoroso, tema centrale nel tessuto narrativo della pellicola in oggetto e dell’intera saga.

Nessun commento:

Posta un commento