venerdì 16 maggio 2014

DIRE STRAITS LEGENDS ............................................... la tappa romana dell'italian tour


Partito l’undici Maggio a Bari, il grande show relativo al tour italiano della band dei Dire Straits Legends ha fatto tappa nella capitale presso l’Auditorium della Conciliazione in data 14 Maggio. Una serata significativa e coinvolgente, un vero e proprio tuffo nella storia della musica rock, un viaggio condotto da sette musicisti di fama internazionale, tra cui anche gli italiani Marco Caviglia alla chitarra e Primiano Di Biase alle tastiere, motivo di orgoglio per la nostra nazione. Prendendo le parti di Mark Knopfler, Caviglia è riuscito, attraverso attenti riff di chitarra e voce notevole, a condurre il pubblico nell’emozionante viaggio negli oltre trenta anni di musica, costruendo un grande feeling, reso possibile anche dallo spirito professionale degli altri musicisti.














Configurandosi come una concept band, la formazione ha proposto al vastissimo pubblico, accorso per l’evento, alcuni dei pezzi appartenenti alla vasta discografia del gruppo rock britannico, tra cui l’evocativa e romantica Romeo and Juliet. Sul palco anche uno degli storici fondatori della band inglese, John Illsey, bassista dei Dire Straits sin dalle origini, affiancato nei cori anche da Phil Palmer, chitarrista facente parte del gruppo degli Straits dal 1991 al 1995. A completare la formazione Mel Collins al sax, Danny Commings alle percussioni e il batterista Steve Ferrone, uno dei più quotati al mondo che vanta tra le sue collaborazioni anche quelle con i Duran Duran ed Eric Clapton, tra gli altri. I sette hanno entusiasmato un pubblico variegato, composto anche da giovani entrati a contatto con la musica degli Straits grazie alle esibizioni delle nuove leggende. Il ricco percorso musicale proposto ha attraversato brani più cauti ed altri maggiormente intensi nelle melodie di chitarre, tastiere e sax, pezzi strutturati dal basso di Illsey e scanditi a livello ritmico da batteria e percussioni di Ferrone e Commings, il tutto ad accompagnare le tre voci, regalando al pubblico un concept show significativo, a cui ha fatto da padrona la pluriennale esperienza dei musicisti, resisi un tutt’uno con il live della serata, durante cui è stato eseguito anche uno dei brani appartenenti al disco di John Illsey, significativo a livello strutturale e melodico. Tra gli altri pezzi eseguiti anche l'indimenticata Tunnel of Love, brano decisamente carico a livello percussivo e tematico, solo uno degli altri grandi successi in scaletta.














Una grande serata dall’elevato valore artistico, grazie a cui il pubblico ha potuto riascoltare alcuni dei pezzi che hanno fatto la storia del rock, interagendo con i musicisti sul palco e con un grande spettacolo, arricchito dall’allestimento dello spazio scenico. Immergendosi nel sound rock degli Straits, i presenti hanno potuto rivivere l’emozione di un particolare tipo di musica, accolto con grande entusiasmo e padroneggiato dallo spirito di compartecipazione tra artisti e pubblico, rendendo l’evento un lieto momento da ricordare.


Nessun commento:

Posta un commento