domenica 23 marzo 2014

SPRING BREAKERS .................................... le vacanze primaverili tra nuovi incontri e scoperta di sè


In occasione della prima domenica di primavera, verrà posto in analisi Spring Breakers – una vacanza da sballo di Harmony Korine, film di produzione inglese, presentato alla 69° Mostra Internazionale di Arte Cinematografica di Venezia e uscito in sala il 7 Marzo 2013.  Una sorta di black comedy in cui coesistono anche il tema di una forte amicizia e quello dell’apparente paura per la novità.









Soggetto del film è la narrazione delle azioni di un gruppo di studentesse di college quando, ormai giunto il tempo delle vacanze primaverili, decidono di avventurarsi nel sogno dello spring break, da intendere come un reale modo di vivere, come dichiarato da Elliot alias Alien (James Franco), un rapper che invade la costa a suon di musica e traffici: “Spring Break per sempre” (cit. Alien). Ben presto anche le protagoniste dell’avventura, Brit, Candy, Cotty e Faith, resteranno immerse nel tema ideologico dello spring break, molto più che una semplice festa. Interpretate rispettivamente da Ashley Benson, Vanessa Hudgens, Rachel Korine e Selena Gomez, le giovanissime ragazze affronteranno l’evoluzione nella scoperta di loro stesse, dando adempimento allo stadio iniziale di ingenuità e a quello di assunzione di personalità e carattere successivo. James Franco si rivela l’autentico mattatore di tutte le azioni, un gangster che, dopo averle tirate fuori dal carcere, plasmerà l’animo criminale delle ragazze, le quattro passerotte uscite dal nido, come le identifica lo stesso Alien. Il cambiamento del tenore di vita porterà conseguenze diversificate nell’animo delle fanciulle, provocandone l’allontanamento di due di loro, rientrate a casa dopo alcuni turbamenti emotivi e disavventure, tra cui quella del ferimento di Cotty da parte dell’avversario di Alien in disputa per il controllo della zona.













Accompagnandole in un viaggio che nessuna avrebbe mai immaginato, il rude Alien si rivela essere un uomo dall’animo tenero che accoglie le quattro vivaci spring breakers nel suo mondo costruito sulla base dell’interesse per la ricchezza, facendo vivere loro lo spring break più scatenato della storia. Notevole l’apporto sonoro dell’intera pellicola, in cui risalta anche un pezzo dell’artista Britney Spears, a dare maggior risonanza al tema di condivisione. Attraverso il montaggio fatto anche di sovrapposizioni ed accavallamenti, il film arriva dritto dentro l’orizzonte visivo dello spettatore, accattivandone l’attenzione anche grazie alle colorazioni tendenti al rossastro. Si tratta di un film provocatorio, in un certo senso, in cui trova spazio però anche il tema del legame affettivo e sentimentale, arricchiti dalla naturalezza ricercata dai personaggi, fino ad arrivare alla risoluzione dell’intreccio sul finale aperto. 



1 commento:

  1. Ciao vorremo invitarvi al nostro nuovo spettacolo, Belle Bandiere, per una recensione. A che mail posso contattarvi per mandare il comunicato?

    RispondiElimina