martedì 1 ottobre 2013

FACE OFF MUSIC CONTEST ............... presentazione del progetto tra novità e riconferma


Inaugurato presso la Locanda Atlantide di Roma, il nuovo contest targato Arte 2.0 ha addolcito la serata piovosa dell’ultima domenica settembrina, avvalendosi della collaborazione di numerosi partner, tra cui Roba da Rocker, il magazine online che privilegia la musica rock emergente e non. La serata di presentazione di questo nuovo appuntamento capitolino con la musica originale che dovrebbe proseguire fino a primavera ha ottenuto largo riscontro e condivisione, garantiti dalla professionalità dell’artista organizzatrice e dei suoi primi collaboratori, tra cui Luca Pennacchioni, presidente dell’associazione promotrice del progetto del Face Off Music Contest ma anche di altri appuntamenti culturali, spaziando dal teatro alla musica. A fondare l’organizzazione tre artisti di matrice diversa, un attore, uno scrittore e una musicista, quali rispettivamente Luca Pennacchioni, Daniele Vassella e la nostra Valentina, visibilmente emozionata e soddisfatta nel vedere il contest prender forma. Tema della serata in questione è il rock, affrontato e proposto da tre dei gruppi dell’orizzonte romano, quali quello dei giovanissimi de le Facce, per i quali il Face Off si è rivelato essere l’occasione per confrontarsi sia con altri musicisti che con il pubblico presente, obiettivo fondamentale di ogni artista, come dichiara il presidente nel momento pre – live, riconoscendo proprio in questa la missione di Arte 2.0 e ancor più del contest in oggetto, cioè permettere ad ogni artista “sconosciuto” di metter in mostra la propria arte, essendo gli emergenti frutto della speranza in un futuro ricco di arte e amore (cit. Valentina Ciaffaglione). 
Secondo gruppo emergente della tappa zero del contest è quello dei Controverso, gruppo dal sound rock energico composto da cinque musicisti. Assemblatasi definitivamente nel 2005, la band porta avanti un discorso fatto di brani autoriali e talvolta riflessivi, non lasciando trasparire alcuna emozione nel sovrastare il palcoscenico. Tra i pezzi eseguiti il singolo Disco Dance, in cui si avverte una triplice valenza di tipo rock, pop e dance, sound percorso dalla voce di Riccardo Vinciguerra e ritmato dalle percussioni di Cristiano Manfioletti, bilanciati dalle melodie delle chitarre di Simone Balsamo e Daniele Perticaroli, strutturate dal basso di Adriano Cucinella.













Band resident della serata è quella dei Terzo Zero, un gruppo compatto di quattro musicisti, notevolmente motivati per la sfida della serata, motivazione ed emozione riscontrabili nel volto del front-man Luca Surya Lattavo, voce e chitarra del gruppo. È proprio la coesione tra gli appartenenti al gruppo a far presa sui giurati, permettendogli di assicurarsi il premio in palio, oltre ad una degna riproposizione del proprio concept costitutivo e dei propri brani, interagendo anche con il pubblico in sala. Chitarra solista della formazione è Giorgio Guitargeorge Leone, il quale appare concentratissimo nell’esecuzione e nella gestione delle melodie dei pezzi proposti, tra cui Avanti un altro, Fresco, Nerone e Deja vu, strutturati dal basso di Roberto Ferri, il quale fa frutto della sua lunga esperienza tra cover band dei Radiohead e band dei Green Palastic nel riproporre i brani in scaletta, decisamente scanditi a livello ritmico dal giovane Lorenzo The Diva De Feo. Un progetto musicale notevole e ambizioso, portato avanti grazie all’impegno e alla dedizione, mosso dall’amore costante per la musica e ricco di speranza e umiltà, caratteristiche che, probabilmente, permetteranno a questi musicisti di cercar sempre il messaggio rock nella vita, costituito dall’unione di diversi background, da quello rockettaro di Surya a quello Floydiano del chitarrista, passando per gli orizzonti di concetto rock e pop del bassista, fino ad arrivare al talento del giovanissimo batterista. Una scommessa, dunque, che va avanti da due anni ormai e partorita dal concept di fondo nella vita ci vuole un po’ di rock, genere musicale a cui è stato dato largo spazio in occasione della data zero del contest di Valentina Ciaffaglione, motivata dal risultato ottenuto nel continuare la sua ricerca di talenti, tra novità e riconferme.


Nessun commento:

Posta un commento