mercoledì 16 gennaio 2013

V edizione del Festival del Cinema Kurdo a Roma



Mancano poche ore ormai all’inizio della nuova edizione del festival del cinema Kurdo Heviya Azadiye – Speranza di libertà, ospitato dal Nuovo Cinema Aquila e dalla Casa del Cinema della capitale. Organizzato dall’associazione Europa Levante con contributo della Regione Lazio e della Provincia di Roma l’evento, unico nel suo genere in Italia, sarà aperto alle ore 18,00 della giornata di oggi con un seminario sul cinema kurdo presso la Casa del Cinema, al quale interverranno diversi registi del panorama cinematografico in oggetto, tra cui Mizgin Mujde Arslan, nonché Boris Sollazzo, critico cinematografico. A seguire, si potrà assistere alla proiezione del film di animazione La voce di mio padre di Zeynel Dogan, prevista per le ore 20,30, a cui seguirà il dibattito con il regista stesso.
Casa del Cinema
Da domani fino al 20 Gennaio ci si sposterà al Nuovo Cinema Aquila, dove si potrà prendere parte a oltre 20 proiezioni, tra lungometraggi, cortometraggi e documentari e partecipare agli incontri con i registi dei film stessi, in cui saranno coinvolti dieci Paesi diversi, tra cui Iran, Iraq, Svizzera, Francia e Germania. I dibattiti nascono con l’obiettivo di arricchire lo scambio culturale con il pubblico e riguarderanno, pertanto, i genocidi e il sistema d’asilo vigente in Italia, proprio perché – come spiega Hevi Dilara, direttrice artistica del festival – l’evento ha da sempre l’obiettivo di far conoscere la cultura e la filosofia di vita millenaria del popolo curdo al pubblico italiano e rafforzare interculturalità tra rifugiati e territorio nazionale.
Nuovo Cinema Aquila

Una vera e propria opportunità di incontro – come la definisce Cecilia D’Elia, assessore alle politiche culturali della Provincia di Roma – con un mondo ricco di arte e di cultura e profondamente impegnato nell’affermazione dei propri diritti, primo fra tutti quello di essere portatori di una storia e di una identità culturale.

Nessun commento:

Posta un commento