giovedì 12 luglio 2012

Tony Pancella quintet al Pescara Jazz Village




In occasione del 40° anniversario del Pescara Jazz, dopo aver dato spazio agli eventi del 9 e del 10 luglio, in cui si sono esibiti Gianluca Esposito con il suo quintetto e il quartetto di Mario Romano, l’Aurum, situato nei pressi dello stadio, trasformatosi in Pescara Jazz Village, ospita, durante la serata di mercoledì 11 luglio 2012, il quintetto strumentale di Tony Pancella, gruppo senza voci in veste acustica, formato da Gregory Rivkin alla tromba, Aldo Vigorito al contrabbasso, Pietro Iodice alla batteria, Paolo Recchia al sax alto, sostituto di Robert Anchipolovsky, e naturalmente il leader Tony Pancella al pianoforte. Si tratta di un piano a mezza coda, con cui quest’ultimo introduce gli altri musicisti sin dal primo brano, a partire dalle ore 21,30 circa.

Come capita solitamente nella musica Jazz, infatti, in una prima parte dei brani il tema di fondo della canzone è proposto da tutti i musicisti, ognuno dei quali va poi ad eseguire uno o più assoli strumentali basati sull’armonia costitutiva del pezzo. Nel repertorio proposto, oltre a brani composti dallo stesso Tony Pancella, tra cui “Grace Hart”, e da Aldo Vigorito e Paolo Recchia, il quale ha dedicato la proposizione a Tom Jones, trombettista della scena jazz americana, anche quelli di altri artisti jazz di fama internazionale. Si procede con un ritmo sincopato, scandito da contrabbasso e batteria, per giungere ad una melodia avvincente data da piano e tromba, mentre il sassofono svolge il ruolo di mediazione tra le basi ritmica e melodica dei brani, configurandosi come punto di giunzione delle canzoni stesse, da cui è stato possibile notare una struttura circolare, essendo stato proposto nella parte conclusiva dell’esecuzione il tema iniziale.

Una serata particolare, in cui i musicisti, facendo tesoro della loro esperienza, hanno saputo regalare al pubblico presente un momento di incontro musicale con il Jazz, stile di musica che sarà artefice di tutte le prossime esibizioni, sia all'Aurum, in cui si esibirà questa sera il quartetto di Alain Caron, che al Teatro Monumentale Gabriele D’Annunzio, in cui sarà possibile ascoltare altri grandi artisti del panorama musicale internazionale, tra cui Wayne Shorter, Enrico Rava e Paolo Conte.


Nessun commento:

Posta un commento