lunedì 30 luglio 2012

28/07/12 SPACE BUGS live Terme di Caracalla



Secondo concerto del mese di luglio per gli Space Bugs che, questa volta, si sono esibiti presso le Terme di Caracalla, all’interno del contenitore artistico della festa dell’Unità di Roma. Sul palcoscenico centrale allestito nel villaggio adibito per la festa, la funky – band ha costruito uno show del tutto particolare e coinvolgente in modo consapevole, desiderando far ascoltare la propria musica, coincidente con il proprio modo di comunicare e di essere. Originalità, buona musica, spettacolo e creatività: questi i fondamenti che hanno reso la serata un evento singolare e particolare e che hanno permesso al gruppo di riscuotere successo tra gli spettatori, anche questa volta accorsi numerosi. La band continua a dare conferma dei punti saldi della formazione, a partire dallo spiccato senso ritmico insito nel batterista Alessandro Cavallaro, leader della band e promotore principale del progetto funky in atto, la struttura dei brani sottolineata dal basso di Fabio Gabbianelli e l’assetto melodico dato dalle chitarre di Marco Zitelli e Leandro Fiacco. 












Ad unirsi allo schieramento strutturale degli strumenti di accompagnamento, la voce principale di Daniele Calabrò che evidenzia qualità e potenza, frutti della sua preparazione artistica, mentre le voci delle coriste Francesca ed Heidi Li lo accompagnano diligentemente nel viaggio musicale, condotto attraverso l’interpretazione di pezzi originali, a cui si aggiungono i toni e ritmi rap sottolineati da Avi, cantante di origini americane. Notevole l’immedesimazione sul palco, data anche da abbigliamento e gadjet particolari, oltre all’elemento spettacolo che i giovani musicisti riescono a costruire ogni volta, differenziando ogni loro esibizione con scenografie ed elementi diversi, nonostante i brani eseguiti siano gli stessi. Tra questi spiccano la particolare Annie, manifesto della delicatezza vocale velata della prima corista, Francesca, e i più caratterizzanti Space Bug Junkie e Pulp Circus, testimonianza l’uno delle vocalità del cantante e dei cori annessi, tra cui quella di Heidi, brava a delimitare l’orizzonte melodico, oltre che del basso, l’altro di melodie delle chitarre, ritmate dallo strumento percussivo. 

Già avevamo avuto dimostrazione di tutti questi fondamenti compositivi ed esecutivi nelle precedenti esibizioni ma, questa volta risulta ancor più evidente l’elemento scenico e scenografico, grazie al vasto palcoscenico dedicato, di cui i ragazzi diventano padroni indiscussi, anche con i movimenti sensuali e i balletti di Francesca e di Avi.
Dall’evento scaturiscono tutti elementi positivi nell’assetto del gruppo, ormai maturo e coeso, come dimostra anche la complicità creatasi tra gli stessi musicisti, i quali certamente faranno tesoro di questa esibizione per affrontare quelle future, sempre con maggior grinta cercando di far sempre meglio.


Nessun commento:

Posta un commento