sabato 2 giugno 2012

SPACE BUGS......le origini della band raccontate da Alessandro Cavallaro e Fabio Gabbianelli


alla batteria Alessandro Cavallaro in fase di start-up


Fabio Gabbianelli e gli inizi con il basso























Una nuova concezione musicale nella personalità di Alessandro Cavallaro andava costituendosi nel 2005, anno in cui lo stesso decise di cimentarsi nel funk, stile musicale che ancora non aveva sperimentato. Da subito tenta di coinvolgere nel nuovo progetto il suo amico Fabio Gabbianelli, conosciuto all’età di 15 anni. Dalla voglia di giocare con la musica, in modo consapevole, nasce il nuovo ideale del voler fare qualcosa, del volersi riscattare e del volersi lasciar andare. Dopo aver coinvolto Fabio, entrambi mossi dalla voglia di scrivere pezzi propri, intraprendono un percorso tanto insidioso quanto soddisfacente.


Nato a Roma l’11 Agosto 1986, Fabio, il quale da sempre spaziava tra molteplici orizzonti musicali, a partire dagli Iron Maiden, scoprì la sua passione per il basso all’età di 10 anni, dopo averne ascoltato la melodia e averlo provato grazie a un amico del fratello Matteo, batterista. Dall’età di 12 anni, intraprese gli studi nella scuola di musica della durata di 2 anni, per poi continuare in veste di “autodidatta”, fino ad arrivare a collaborare per 6 anni con il gruppo cover di Steve Wonder. Dall’età di 20 anni è entrato in conservatorio per approfondire la sua cultura musicale e farne una professione, quella del musicista, purtroppo ostacolata e non rilevante in Italia ai giorni nostri.

Alessandro, nato a Roma il 18 Novembre 1986, è sempre stato attratto dalla black - music e dal rock alternativo (Nirvana, Pearl jam e Red Hot Chili Peppers) e, all’età di circa 12 anni, mentre ne stava suonando pezzi cover nel garage con gli amici Leandro e Flaiano, si rese conto della sua passione per la batteria e di essere portato all’uso dello strumento percussivo. Questo è stato il momento in cui, spinto dalla madre, appassionata di musica soul, gospel e rythm & blues, decise di prendere lezioni di batteria da un maestro privato, finché dopo 6 – 7 anni, affiancato da Fabio, ha partorito il progetto “Space Bugs” e dopo i primi dischi di rodaggio, nel 2010 arriva la voglia di spingere di più, di portare il materiale anche live e mostrare al pubblico la propria voglia di fare, dandone dimostrazione nel disco Junk Cereal. Senza l’appoggio di Fabio non sarebbe stato possibile portare a compimento il progetto di formazione e fissazione generale del gruppo, in quanto il bassista è stato il primo a credere in lui e nel suo progetto artistico – musicale, esigenza di fare qualcosa. Queste le parole del batterista, il quale mostra la sua riconoscenza all’amico, oltre che alle altre persone ruotate intorno all’assestamento dell’idea Space Bugs.

La prima vera soddisfazione, arrivata dal disco iniziale, diede loro la motivazione di continuare e di far sempre di più, fino ad arrivare alla “ricompensa” data agli artisti dal funk. Fabio paragona l’uscita del primo disco ad un parto e la motivazione più caratterizzante per il bassista è quella di poter far sentire a tutti la propria musica, come se fosse un percorso fatto di ostacoli e di insidie, fino ad arrivare all’esibizione sul palco, considerata come  una vera è propria vittoria: il funk è la vittoria.

Secondo Alessandro, invece, il funk è la ricompensa perché da questo tipo di musica torna sempre un qualcosa, l’apprezzamento da parte del pubblico e l’apprezzamento da parte di se stessi, considerando la musica come il riflesso della propria personalità. Il batterista, affiancato da valenti collaboratori, tra cui lo stesso Fabio, oltre a scrivere le parti ritmate e percussive delle canzoni, si occupa anche della scrittura dei testi, oltre che della stesura delle parti musicali e degli accordi, inerenti alle melodie dei brani.


Si dia il via allo spettacolo targato Space Bugs

Nessun commento:

Posta un commento