mercoledì 2 maggio 2012

01/05/12...........Concerto del primo maggio nella città di Pescara nei pressi di Piazza Salotto


In occasione della festa dei lavoratori, la provincia di Pescara ha organizzato un’intera giornata in omaggio dell’espressività giovanile. Parte della mattinata del 1° maggio 2012 è stata dedicata ai lavoratori e, in particolare, alla premiazione da parte della provincia del lavoratore ideale, selezionato tra 66 persone segnalate dai sindacati per essersi distinte sul posto di lavoro. Davvero una singolare manifestazione organizzata dalla provincia della città abruzzese. Sul palco gli artisti, più o meno noti, hanno saputo regalare una serata divertente ed emozionante in onore del 1° maggio, trasmettendo passione e sentimento al pubblico pescarese, dimostratosi soddisfatto, divertito e appagato per tutto il giorno.
Nel pomeriggio, mentre si attende l’inizio dell’esibizione musicale, si prosegue con i ragazzi dell’istituto Misticoni-Bellisario che si esibiscono nella “street art”, balli e arti visive su strada, tra cui spicca, sullo sfondo di corso Umberto I, la break-dance di Luca, Marco, Lorenzo, Giovanni e Tania. Nessun big tra i gruppi che si sono esibiti sul palco, prevalentemente studenti provenienti dalle scorse edizioni dello “Student Festival”, concorso che la consulta provinciale di Pescara organizza ogni anno tra gli studenti delle scuole appartenenti al territorio pescarese. Tra questi gli I scream, ex Frequenza assoluta, gruppo vincitore della scorsa edizione del festival per la sezione cover. Il gruppo, composto da 6 musicisti, di cui 4 ragazzi e 2 ragazze, porta sul palcoscenico due canzoni: la prima, di matrice prevalentemente hard – rock mentre, la seconda, rivisitazione della canzone “Caruso” di Lucio Dalla, omaggio all’artista scomparso di recente. La manifestazione è una carrellata a ritroso dello student festival e prosegue con i Campaneros, anche loro: 4 ragazzi e 2 ragazze, vincitori della sezione inediti del 2011 i quali, presentano l’inedito “amico campagnero”, dal sound composito di folk e pop – rock, mentre, contemporaneamente, si esibiscono sul palco alcuni ballerini di “strada” che presentano, susseguendosi tra di essi, una sequenza di acrobazie e break – dance, prima di lasciare il palco alla cantautrice pescarese Giulia Pellegrini, vincitrice, tra l’altro, del premio Mogol 2011. La ragazza propone due nuovi pezzi intrisi di sentimento, amore e gelosia, che mettono in risalto la sua poderosa e melodica voce, grazie anche alla scelta artistica di accompagnare le qualità canore della giovane con una semplice chitarra.
Giulia Pellegrini
E’ poi il momento degli Stile Libero, band più conosciuta, composta da 5 ragazzi che, attraverso un tributo a grandi artisti, rende omaggio alla musica italiana. Oggetto della loro esibizione è la buona riproposizione di brani quali “In tutti i miei giorni” di Raf , “Terra promessa” di Eros Ramazzotti, artista che li appassiona da sempre. Proseguendo nel loro repertorio, viaggio nella storia della musica italiana, il gruppo toccherà vari generi, si arriva allo stile romantico con “Via le mani dagli occhi” dei Negramaro e con “Iris” di Biagio Antonacci. Si giunge, tra le altre, a “Oggi sono io” di Alex Britti, “Il tempo di morire” di Lucio Battisti fino, poi, a riproporre “Sally” e “Un senso” di Vasco Rossi. Gli Stile Libero, grazie anche alle notevoli doti canore di Fabrizio Fasciani, risulta essere una band multi – sfaccettata, capace non solo di appassionare e coinvolgere il pubblico, nonostante la pioggia, ma che, con bravura, riesce a misurarsi con gli arrangiamenti e con il livello delle canzoni proposte, adattandosi a differenti generi e tematiche musicali, tra cui anche la disco – music anni ’80 di “I feel good”, riproposta in modo veramente notevole.
Gli Stile libero

 “Urlando contro il cielo” di Luciano Ligabue è la canzone che chiude l’esibizione del gruppo che lascia il palco ai Montepulciano, cover – band dei Negramaro. Il repertorio di questo gruppo nasce dalla passione dei componenti per il sound dei Negramaro, dal tono a tratti malinconico ma che, allo stesso tempo, è carico di passione. Tra le canzoni proposte “Estate”, “Parlami d’amore”, “Io non lascio traccia”, “Singhiozzo”, “La distrazione” e “Londra brucia”, ultimo singolo dei Negramaro. La manifestazione viene chiusa dai saluti dei tecnici e della consulta provinciale dopo aver ascoltato “Mentre tutto scorre” dei Negramaro. 
I Montepulciano

Nessun commento:

Posta un commento