martedì 3 aprile 2012

T.H.E B.L.U.E.S B.R.O.T.H.E.R.S....in missione per conto di Dio



Trama
Jake Blues (John Belushi) ed Elwood Blues (Dan Aykroyd) si impegnano a trovare il denaro per pagare le tasse dell’orfanotrofio in cui sono cresciuti, dopo aver scoperto che la chiesa non avrebbe più erogato i fondi per sostenerlo. 
 
Recensione
Sin dalla prima scena è possibile captare le caratteristiche dei due personaggi principali e del filo narrativo del film, già dall'abbigliamento degli stessi, tipico dello stile blues-men : smoking nero, camicia bianca, cappello e occhiali da sole neri. I due decidono di riunire la loro vecchia band per trovare il denaro necessario per non far chiudere l’orfanotrofio in cui sono cresciuti.
L'illuminazione di Jake

Dopo aver riunito il gruppo, si dedicano alla ricerca degli strumenti e la fatica prevista non li preoccupa assolutamente perché sono in missione per conto di Dio e nessuno può fermarli. Infatti, dopo una prima serata di riassestamento, riescono a conquistare il successo tra il pubblico con il loro rythm and blues.
Tra sketch divertenti e inseguimenti da parte della polizia, la rocambolesca avventura di questi musicisti arriva fino all’ufficio delle tasse di Chicago, dove i due riescono a saldare il debito dell’orfanotrofio con l’incasso delle serate, appena prima di essere arrestati. Una volta portati in carcere i due continuano con le loro esibizioni di blues, tra i detenuti, insieme agli altri della band. Si tratta di una storia in cui la musica, in questo caso quella blues, è l’unica cosa che riesce a dare ai protagonisti dell’avventura la forza di lottare per conseguire un obiettivo importante e rispettare determinati valori. Un cast stellare per questo cult movie, in cui non mancano alcune partecipazioni straordinarie, tra cui Ray Charles, James Brown, Aretha Franklin, Cab Calloway e Steven Spielberg. “The Blues brothers” è assolutamente un film da vedere in compagnia di tutta la famiglia per trascorrere una piacevole serata tra divertimento, musica e spettacolarità.
In azione


Nessun commento:

Posta un commento